Online i questionari di monitoraggio

Nell’ambito della Programmazione dei Fondi Strutturali 2007/2013 PON “Competenze per lo Sviluppo” Obiettivo B, Azione B10, sono attivi i questionari di monitoraggio dedicati ai progetti nazionali di formazione disciplinare per docenti (PON Educazione linguistica e letteraria in un’ottica plurilingue, PON Educazione Scientifica, PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea, PON m@t.abel). Essendo al termine della programmazione PON 2007/2013, il monitoraggio coinvolgerà non solo i partecipanti all’edizione 2012-13 ma anche i corsisti delle due annualità precedenti (2010/2011 e 2009/2010) al fine di fare una valutazione diacronica dell’impatto dei progetti di formazione PON disciplinari.

Sono stati quindi predisposti 4 questionari rivolti a:

• Tutor 2012/2013 (per tutti i tutor dei quattro progetti, eccetto i tutor associati a classi revocate)

• Corsista 2012/2013 (per tutti i corsisti dei quattro progetti, eccetto i corsisti iscritti in classi revocate)

• Corsista 2010/2011 (per tutti i corsisti dei quattro progetti, eccetto i corsisti iscritti in classi revocate o chiuse anticipatamente)

• Corsista 2009/2010 (per tutti i corsisti dei quattro progetti, eccetto i corsisti iscritti in classi revocate o chiuse anticipatamente).

Fino al 24 Febbraio, effettuando il log-in nella piattaforma di formazione docenti (http://for.indire.it/docenti o http://formazionedocentipon.indire.it), saranno visibili in un’apposita sezione il/i questionario/i associati al proprio profilo. Infatti, nel caso in cui il docente rientri in più di una di queste 4 categorie , è invitato a compilare di tutti i questionari che lo riguardano.

Data l’importanza dei risultati del questionario al fine di migliorare la nostra offerta futura, vi ringraziamo per il tempo che vorrete dedicare alla loro compilazione.

Per informazioni di carattere generale, è possibile scrivere a: segreteria_pon@indire.it . Per problemi tecniche, invece, l’indirizzo di Help-desk è: monitoraggio_pon@indire.it.

Educazione Scientifica a.s. 2012/2013: una comunità che cresce!

di R. Borgi e L. Messini

Nell’ambito della Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 – Programma Operativo Nazionale (“Competenze per lo Sviluppo”) finanziato con il Fondo Sociale Europeo, si è da poco conclusa la terza edizione dei corsi nazionali di formazione docenti del progetto PON Educazione Scientifica, dedicato ai docenti di Scienze matematiche, chimiche, fisiche e naturali della scuola secondaria di primo grado delle quattro regioni “Obiettivo Convergenza”.
La formazione, che prevedeva 30 ore di formazione in presenza e 70 on-line, si è svolta dal 3 Gennaio al 31 Agosto 2013 ed ha quindi accompagnato i docenti corsisti durante la seconda parte dell’anno scolastico.
Il corso 2012-13 è stato l’ultimo della programmazione 2007-13, dopo le edizioni 2009-10 e 2010-11. Nelle tre annualità i docenti che hanno conseguito l’attestato di formazione sono stati 653, con una importante concentrazione in Puglia, dove i docenti formati sono stati 245, riconfermandosi una regione con un forte interesse verso l’educazione scientifica.
Dal 2009, le scuole presidio coinvolte per la gestione della parte in presenza del percorso blended sono state 43, ben distribuite in quasi tutte le province delle quattro regioni “Obiettivo Convergenza”: 14 presìdi in Campania, 11 in Puglia, 5 in Calabria e 12 in Sicilia. Le due province dove il corso ha avuto una diffusione ed un radicamento maggiore dal punto di vista dei presidi sono state Bari e Napoli, ma anche Catania, Salerno e Trapani hanno potuto beneficiare di almeno una classe attivata in ciascuna edizione.

Pur ricalcando il modello delle precedenti edizioni, l’offerta formativa proposta in quest’ultima è stata arricchita di molti nuovi materiali didattici che sono andati a completare gli argomenti previsti dal curricolo per la scuola secondaria di I grado così come richiesto dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione.
L’ampliamento dell’offerta formativa ha riguardato la pubblicazione, distribuita nei sette nuclei tematici e trasversali, dei seguenti materiali didattici:
- 33 nuovi percorsi didattici, per un totale di 56;
- 10 nuovi materiali di studio, per un totale di 26;
- 36 nuove prove per la valutazione delle competenze, riferite ai Percorsi didattici, per un totale di 57.
Inoltre, grazie alla collaborazione con il Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, è stato elaborato e introdotto in formazione un nuovo format per la storia della scienza incentrato sul linguaggio video: il VideoLab. In questa edizione sono stati pubblicati i primi 6 VideoLab che prevedono l’approfondimento di alcuni importanti momenti o strumenti della storia della scienza collegati ai percorsi disciplinari come: la meccanica di Galileo, la pressione e il vuoto, il microscopio, la termometria, etc.
Visto il notevole incremento dei materiali didattici, nell’ambiente sono stati inseriti nuovi strumenti per l’orientamento dell’utente: dei filtri tematici, specifici per ogni nucleo, che permettono la visualizzazione dei percorsi didattici, dei materiali di studio e dei VideoLab, afferenti un certo argomento, e una mappa del nucleo che consente la visualizzazione delle relazioni esistenti tra i materiali di un stesso nucleo (Percorsi didattici, Prove di valutazione, Materiali di studio e VideoLab).
Un’altra novità di quest’ultima annualità ha riguardato gli strumenti di accompagnamento alla formazione, i cosiddetti Strumenti del tutor, che costituiscono i mezzi per strutturare la riflessione e la documentazione del percorso di apprendimento.
In questa edizione, infatti, si è proposto ai tutor – in via opzionale e sperimentale – di utilizzare due “nuovi” strumenti: un Diario di bordo maggiormente strutturato e riflessivo  e il Blog/wiki.
Il nuovo format di Diario di bordo, utilizzato durante la terza fase per la documentazione della sperimentazione svolta in classe con gli alunni, è stato impostato per favorire l’esplicitazione non solo del racconto dell’accaduto ma anche della riflessione professionale sulle scelte fatte.
Il Blog/wiki interno al “Gruppo di lavoro”, usato in precedenza come applicazione di supporto prevalentemente alla comunicazione, quasi in competizione con il forum di classe, in questa edizione è stato “promosso” a strumento di condivisione e documentazione da adottare durante la seconda fase per l’approfondimento fra pari delle attività laboratoriali. Il Blog/wiki ha consentito ai docenti di documentare il processo formativo postando articoli, fotografie, video e commenti relativi a quanto è accaduto negli incontri con il tutor ma anche a quanto stava accadendo contemporaneamente in classe con i ragazzi.
Sia nel caso del blog/wiki che del diario, si tratta di novità suggerite dagli stessi tutor delle edizioni passate.
L’utilizzo del blog in questi termini ha infatti origine dalla sperimentazione fatta dalla tutor Antonella Alfano durante la formazione dell’a.s. 2010/2011. Proprio per la rilevanza della sua esperienza, nell’a.s. 2012/2013 le è stata affidata la moderazione di un Blog di esercitazione e formazione (tecnica e metodologica) rivolto ai soli tutor, con l’obiettivo di supportarli nell’uso di questo strumento, non così usuale per i docenti.
I docenti coinvolti nella formazione, sia corsisti che tutor, che hanno scelto di sperimentare questi strumenti ne hanno apprezzato le potenzialità tanto che alcuni stanno già utilizzando il Blog anche con la propria classe di alunni.
Il modello di Diario di bordo che abbiamo proposto è una rielaborazione che abbiamo fatto insieme alla tutor Gabriella Colaprice sul modello di diario da lei utilizzato nella formazione del Piano ISS. Il diario così strutturato ha aiutato i docenti corsisti ad esplicitare e a sistematizzare tutti i processi di riflessione e progettazione dell’attività didattica con cui quotidianamente si confrontano in modo più o meno consapevole.
Inoltre questa annualità ha visto l’apertura dei forum tematici moderati dagli esperti, non solo ai tutor del progetto, ma anche ai docenti corsisti, per venire incontro all’esigenza espressa nella passate edizioni di una maggiore condivisione a livello interregionale. La moderazione degli esperti è stata coadiuvata da un gruppo di ex-tutor con esperienza nel progetto che hanno potuto condividere la propria expertise con tutta la comunità.

Anche quest’anno, a metà corso, è stato organizzato un seminario in presenza nel quale i tutor coinvolti si sono incontrati con i membri del CTS, i moderatori dei forum, il gruppo di progetto di INDIRE e l’Autorità di Gestione al fine di fare un bilancio della formazione e supportare i tutor nelle difficoltà incontrate. Per la prima volta al seminario, che si è svolto a Napoli nei giorni 8 e 9 maggio 2013, hanno partecipato anche alcuni corsisti, uno per ogni classe, che hanno presentato la propria “esperienza significativa”. La nuova formula di seminario si è rivelata vincente per un duplice motivo: da un lato ha consentito al CTS, ai moderatori e al gruppo di progetto di INDIRE di ottenere un feedback sulla formazione direttamente dai corsisti senza la mediazione del tutor, dall’altro anche i corsisti hanno potuto confrontarsi direttamente con gli esperti e con il gruppo di progetto, oltre che con i rappresentanti del MIUR.
L’esperienza presentata dalle docenti corsiste Yone Iacono e Amalia Punziano della classe condotta dalla tutor Chiara Schettini sul percorso “Lo strano caso dell’insetto stecco” è stata poi scelta per essere presentata alla Convention nazionale “Tre giorni per la scuola” che si è tenuta a Napoli presso Città della Scienza dal 9 all’11 ottobre 2013.

19 Giugno: il romanzo con più autori al mondo verrà presentato all’Indire

Il volume, edito da Minimum fax e frutto di un percorso di scrittura collaborativa a 230 mani, verrà presentato mercoledì 19 giugno all’Indire

Mercoledì
19 giugno alle ore 15.30
Vanni Santoni e Gregorio Magini
presentano presso il nostro Istituto (Firenze, via M. Buonarroti 10, Salone Lombardo Radice) il
libro In territorio nemico, edito da Minimum fax.
Il volume, recentemente presentato al Salone del Libro di Torino, è un romanzo sulla Resistenza scritto a più mani su piattaforma
online, secondo l’idea della Scrittura Industriale
Collettiva (SIC)
. Alla stesura del romanzo hanno collaborato infatti ben 115 scrittori (46 donne, 69 uomini) che hanno lavorato in base a un metodo di lavoro ispirato ai princìpi della produzione industriale di massa, con regole e procedure fruibili a prescindere dal livello di
preparazione e dal rapporto con gli altri membri del gruppo. Tutti i contributi sono divenuti importanti, le varie intelligenze si sono sommate e gli autori, insieme al direttore artistico, hanno preso parte in maniera collaborativa e condivisa alla costruzione di un testo unitario che, una volta concluso, si è rivelato più profondo dei singoli contributi.

«Un romanzo storico sulla Resistenza poteva apparire come un’impresa impossibile, per tre motivi: la storia da sapere è sterminata; ogni passo nasconde una mina ideologica; la Resistenza e la guerra hanno già ispirato alcuni dei migliori romanzi del Novecento italiano» hanno affermato Santoni e Magini, ideatori del metodo SIC, in una precedente occasione. «Il lavoro collettivo ci ha consentito di superare queste muraglie, tutte e tre: il sapere condiviso trascende infatti le conoscenze dei singoli; le differenze politiche, fermo restando l’antifascismo, possono essere rappresentate e messe in relazione fra di loro invece di darsi reciproco scacco nella coscienza individuale; la scrittura collettiva dà la sensazione di agire su un piano letterario diverso dall’esempio dei classici, smorzando la
soggezione».

Il presupposto di quest’operazione è che la cultura partecipativa ha rivoluzionato già molte discipline, «ma la letteratura finora non ha colto i frutti del cambiamento» affermano Santoni e Magini «perché è ancora legata alla figura dello “scrittore solitario” che opera da tramite tra l’inconscio collettivo e i lettori, col rischio però che si crei una dipendenza dal mercato, dai media e dai gusti del pubblico».
Cominciare a scrivere insieme agli altri è una possibilità per traghettare la produzione di testi narrativi nell’era delle organizzazioni a rete e dei sistemi complessi, ed è forse una vera e propria “rivoluzione industriale” resa oggi possibile dalla Rete.

Per approfondire:

 

 

14 Maggio: presentazione dell’XI edizione di “Smart Education & Technology days”

Il prossimo 14 Maggio si terrà a Roma l’evento di presentazione della XI edizione di “Smart Education & Technology days”, la convention nazionale dedicata al mondo della scuola, che si terrà anche quest’anno presso Città della Scienza di Napoli dal 9 all’11 Ottobre 2013. Nel corso di questa giornata, Luigi Amodio, direttore generale di Città della Scienza e Flora di Martino del Coordinamento del programma della fiera, interverranno con altri rappresentanti delle Istituzioni pubbliche per lanciare ufficialmente i lavori della manifestazione e invitare le varie realtà scolastiche a prenderne parte.

Recentemente, infatti, il MIUR ha pubblicato il bando di concorso rivolto a tutte le scuole interessate a partecipare alla XI edizione di “Smart Education and Technology days”: viene, così, data la possibilità a docenti e studenti di raccontare le loro esperienze attraverso una sessione di interventi presso l’area espositiva della fiera. Ciascuna scuola può avanzare la propria candidatura, presentando un elaborato digitale, sottoposto al giudizio di un’apposita commissione. Diventa questa un’occasione unica ed importante di confronto e scambio diretto tra gli attori principali del sistema educativo nazionale. Ogni anno, infatti, questa convention registra migliaia di parteciapnti che hanno qui la possibilità di dialogare e trarre ispirazione dai colleghi per potenziare e innovare la propria didattica.

Programma dell’evento di presentazione – Roma, Villa Nazareth, 14 Maggio 2013 

E’ possibile consultare il bando completo, pubblicato dal MIUR al seguente link

Lingua e comunicazione della scienza: un incontro possibile per l’Educazione Scientifica

Lo scorso luglio si è tenuto a Napoli il seminario di formazione per i tutor del PON Educazione Scientifica edizione 2011-12. Il seminario, che concludeva oltre tre mesi di formazione svoltasi in un ambiente online dedicato, ha visto la partecipazione, oltre agli esperti del progetto, di due esponenti di spicco della cultura italiana:  Francesco Sabatini, noto linguista e presidente emerito dell’Accademia della Crusca, nonché membro del Comitato Tecnico Scientifico del PON Lingua, letteratura e cultura in una dimensione europea e Pietro Greco, noto giornalista e saggista scientifico, docente di comunicazione della scienza in master e scuole di specializzazione.

Nell’occasione i due graditi ospiti ci hanno offerto un interessante confronto sul tema “Lingua e comunicazione della scienza”. In particolare si sono toccati e approfonditi temi su cui poco si sofferma sia la didattica quotidiana sia la formazione degli insegnanti come: il rapporto fra cultura scientifica e umanistica, fra comunicazione, ricerca e didattica scientifica, fra lingua naturale e linguaggi formali (come il linguaggio scientifico) fra competenze in lingua e competenze matematico-scientifiche.

La registrazione video degli interventi è adesso disponibile nella loro versione integrale.

Intervento di Pietro Greco:

Intervento di Francesco Sabatini:

In questo momento difficile, Indire si stringe alle persone che fanno parte di Città della Scienza e a tutta la città di Napoli, che in più di un’occasione ci ha accolto, ospitato e sostenuto nel nostro lavoro.

DIDATEC affronta la sfida per la formazione di 18.000 iscritti

Per il 2013 il Piano di formazione DIDATEC ha raccolto circa 18.000 iscritti, un numero straordinario che, ancora una volta, conferma l’interesse e la volontà del corpo docente di scoprire e approfondire la conoscenza del mondo delle ICT. A seguito dell’elevato numero di adesioni registrate, è stato necessario suddividere l’attività di formazione in due sessioni, al fine di garantire a tutti un adeguato aggiornamento delle competenze. Un primo gruppo di Tutor ha già concluso la sua preparazione e a Febbraio darà avvio ai corsi per gli insegnanti. Il 21 Gennaio toccherà, invece, al secondo gruppo di Tutor iniziare la  formazione, per poi poter procedere con i corsi per la seconda fase di formazione.

Si pubblica di seguito il video realizzato in occasione del seminario di formazione Tutor, svoltosi lo scorso settembre a Napoli.

PON disciplinari – Elenchi definitivi delle classi di formazione

Hanno preso avvio le iniziative nazionali di formazione disciplinare previste dal Programma Operativo Nazionale 2007-2013 “Competenze per lo Sviluppo”. Di seguito, si pubblicano gli elenchi delle scuole presidio e dei docenti-tutor assegnati a ciascun presidio, suddivisi per progetto:

Al via le formazioni online: sono aperte le piattaforme per gli insegnanti

Da pochi giorni è ufficialmente partito il nuovo ciclo delle iniziative di formazione online promosse dal Programma Operativo Nazionale 2007/2013 PON-FSE “Competenze per lo Sviluppo”. Come per gli scorsi anni, anche per il 2013, i percorsi di potenziamento professionale si svolgeranno prevalentemente in modalità on-line: attraverso le apposite piattaforme è, quindi, già possibile accedere ai corsi suddivisi per aree tematiche, potenziati e arricchiti di nuovi contenuti, temi e proposte.

Tra le novità, introdotte quest’anno, si segnala un generale ampliamento dell’offerta formativa con l’aggiunta di 4 nuove tematiche per l’area Iitaliano e 11 per l’area linguistica; lo stesso è avvenuto per il progetto  PON Educazione scientifica che è arrivato a raddoppiare non solo i percorsi didattici, ma anche i materiali di studio e i test di valutazione. Questo arricchimento ha permesso, così, al piano di porsi in linea con le indicazioni nazionali per il curricolo per la scuola secondaria di I°grado.

Una delle novità più interessanti è la sperimentazione di un’innovativa metodologia per la divulgazione della storia della scienza denominata “VideoLab”. Si tratta di un particolare format di video interattivo della durata di circa 15 minuti per approfondire in modo dinamico e versatile temi storico-scientifici. Per reperire ulteriori informazioni e dettagli si rimanda alla lettura dell’articolo “Un nuovo format per la storia della scienza”.

Di seguito, il video realizzato in occasione della manifestazione “3 giorni per la scuola” che offre un concreto esempio di ciò che viene realizzato nei diversi percorsi di formazione, raccontato direttamente dai suoi protagonisti, ovvero, i docenti (dal minuto 3.35)

Completata l’assegnazione provvisoria tutor-scuole presidio per le formazioni nazionali PON disciplinari in partenza

A seguito della chiusura delle iscrizioni, avvenuta lo scorso 22 ottobre, Indire ha predisposto le classi per le iniziative nazionali di formazione PON disciplinare, previste dal Programma Operativo Nazionale 2007-2013 “Competenze per lo Sviluppo”, che prenderanno il via a metà dicembre. Di seguito, si pubblicano gli elenchi delle sedi scolastiche in cui verranno attivati, nei prossimi giorni, i corsi disciplinari suddivisi per progetto:

Negli elenchi allegati, di cui sopra, sono riportate le denominazioni delle scuole presidio e dei relativi docenti tutor assegnati.Tali elenchi saranno confermati a seguieto dell’accettazione del corso da parte delle scuole presidio e dei tutor. L’associazione tutor-classe è stata effettuata secondo i criteri espressi nei relativi bandi di selezione dei tutor. La formazione avverrà nella stessa modalità degli scorsi anni: ciascun corso si svolgerà, infatti, secondo il modello blended integrando attività online e in parte in presenza, coordinate da un tutor disciplinare.